Storia del Cinema #1 – I pionieri del Cinema

Se vuoi approfondire ulteriormente gli argomenti legati al magico mondo del cinema ecco qualche lettura interessante:

L’ABC del linguaggio cinematografico……..https://amzn.to/2X4XtGz

La grammatica del montaggio………https://amzn.to/2uVsSPY

Fare un film………https://amzn.to/2v7Ldtj

La grammatica dell’inquadratura………https://amzn.to/2IcLdRa

La fotografia nei film vol.1………https://amzn.to/2KoaYzM

La fotografia nei film vol.2.…….https://amzn.to/2D8TGkh

28 dicembre 1895. La data da tutti riconosciuta come quella che segna la nascita del cinema. Il giorno della prima proiezione dei Fratelli Lumiere. Ma come per la fotografia molti sono stati coloro che hanno dato il loro contributo alla nascita della settima arte. Vediamo come si è arrivati a questa data storica.

L’occhio umano è in grado di percepire come movimento una serie di immagini diverse tra di loro proiettate in rapida successione. Questo sulla base della cosiddetta persistenza retinica, principio secondo il quale l’immagine di un oggetto sulla retina è percepita più a lungo di quanto duri l’esposizione della retina alla luce proveniente dall’oggetto.

Su questo principio si basano strumenti come il TAUMATROPIO, un disco di cartone sospeso a un filo con una gabbia disegnata su una faccia e un uccellino sull’altra, fatto ruotare esso mostra la fusione delle due immagini.

maxresdefault

Pensiamo anche al FENACHISTOSCOPIO inventato da JOSEPH PLATEAU nel 1832, una coppia di dischi paralleli rotanti sull’asse che li unisce, uno attraversato da alcune fessure e l’altro con raffigurate figure a diversi stadi di movimento.

d9ae83de1f551330b20d500557751753

Nel 1834 il fenachistoscopio viene migliorato con lo ZOOTROPIO, nel quale un disco viene sostituito con un cilindro su cui vengono aperte delle fessure e all’interno si dispone un nastro con le immagini.

classiczoe

Nel 1877 poi EMILE REYNAUD crea il PRASSINOSCOPIO, un’evoluzione dello zootropio, il quale aveva il difetto di distorcere le immagini perché posizionate sulle pareti circolari dello strumento. Nel prassinoscopio invece le immagini vengono riflesse all’esterno attraverso una serie di specchi. In più Reynaud applica al prassinoscopio la LANTERNA MAGICA, il più antico sistema di proiezione di immagini conosciuto.

reynauds_optical_theater_001

Reynaud creò così il TEATRO OTTICO o prassinoscopio da teatro. Le immagini sono disegnate dapprima su un nastro di cartone attraversato da una fila di perforazioni e trascinato da un tamburo. Un prisma invia le immagini a uno specchio e da qui a un secondo specchio attraverso una lente. Questo secondo specchio infine riflette le figure su uno schermo visibile a più persone.

Con la comparsa di sistemi di ripresa e proiezione più pratici Reynaud, disperato, distrugge tutti i suoi apparecchi. Dei suoi lavori non ci rimangono altro che PAUVRE PIERROT (1892) e AUTOUR D’UN CABINE (1894).

Finora comunque va specificato che si riproducono movimenti disegnati ma non si è ancora in grado di registrare immagini fotografiche che mostrino un movimento.

E così mentre EADWEARD MUYBRIDGE fotografa il GALOPPO DI UN CAVALLO mettendo in successione dodici macchine fotografiche posizionate lungo il percorso dell’animale, ETIENNE JULES MAREY è il primo a usare un meccanismo ad intermittenza per impressionare la pellicola, inventando nel 1882 la prima cinepresa, il fucile fotografico, uno strumento capace di impressionare dodici fotogrammi in un secondo.

photographicgun-entiennemarey-14E1CED347D7A68A17E
Fucile fotografico

A lui si deve il più antico filmato della storia del cinema: LA VAGUE (1891), realizzato con questa sua invenzione.

Negli Stati Uniti intanto THOMAS EDISON e il suo assistente WILLIAM DICKSON si ispirano al fucile fotografico di Marey e creano il Kinetografo, strumento in grado di registrare immagini in movimento su pellicola tramite un meccanismo ad intermittenza.

Per la visione dei filmati viene invece creato il Kinetoscopio: una cassa all’interno della quale sono posizionati dei rulli che trascinano la pellicola. Inserendo una monetina si può azionarlo con una manovella e veder scorrere le immagini attraverso un foro. Il kinetoscopio è però a fruizione singola, non adatto a un pubblico numeroso.

Kinetoscopio
Kinetoscopio

Edison gira i filmati da proiettare nel kinetoscopio all’interno del Black Maria, un teatro di posa che ruota per seguire il sole e avere così sempre disponibile la maggior quantità possibile di luce naturale.

I filmati durano circa quaranta secondi, la quantità massima di pellicola che il kinetoscopio può contenere. Tra i film più celebri vi è ANNABELLE SERPENTINE DANCE, il primo filmato a colori nella storia del cinema, dal momento che alcune copie in pellicola furono dipinte a mano fotogramma per fotogramma.

Dickson, assistente di Edison, a un certo punto lascia la società per fondare l’American Mutoscope entrando in competizione col suo ex capo, il quale resosi conto che il kinetoscopio sarebbe presto passato di moda, acquista il brevetto per il sistema di proiezione Vitascope.

Nel Regno Unito invece già nel 1888 LOUIS LE PRINCE riesce a girare una scena di due secondi di persone a passeggio nella cittadina inglese di Leeds e un’altra nel giardino di casa propria (ROUNDHAY GARDEN SCENE). Egli tuttavia deve attendere il 1890 per organizzare la prima proiezione al grande pubblico. Il 16 settembre di quell’anno però scompare misteriosamente dal treno Digione-Parigi.

Louis-Le-Prince.jpg
LOUIS LE PRINCE

Un altro sistema per realizzare e proiettare film era stato inventato in Germania dai fratelli SKLADONOSKY. Il loro sistema tuttavia era ingombrante e poco pratico. Di loro si ricorda soprattutto il film del 1895 MR DELAWARE AND THE BOXING KANGAROO (1895).

Max und Eugen Skladanowsky
I fratelli Skladonowsky

I fratelli Skladonowsky pur non avendo fortuna anticipano i FRATELLI LUMIERE, il cui padre Antoine vede il kinetoscopio di Edison ed esorta i figli a creare un apparecchio simile ma che sia a fruizione collettiva.

0d56dd98498dfbbaab53192c4bcada06e6cf4641
I fratelli Lumiere

I fratelli danno così vita al Cinematografo, che utilizza pellicola 35mm. Inizialmente il nome dovrebbe essere Domitor, contrazione del latino dominator. Guardare la vita degli altri e salvarla nel tempo è una vittoria sulla morte e lo spettatore che vede senza essere visto è un po’ un dominatore.

the-lumiere-cinematographe-invented-everett

Così il 28 dicembre 1895 i Lumiere organizzano la prima proiezione pubblica a pagamento a Parigi. In uno spettacolo di 25 minuti vengono proiettati dieci film, il cui primo è L’USCITA DALLE OFFICINE LUMIERE, il primo film proiettato della storia, non L’ARRIVO DEL TRENO IN STAZIONE come molti credono.

Le caratteristiche dei film dei Lumiere sono molteplici:

  • l’uso dell’inquadratura unica (con assenza di montaggio salvo rari casi),

  • una profondità di campo estesa,

  • personaggi che entrano ed escono dall’inquadratura,

  • una palese rottura della quarta parete (non si nasconde il fatto che si sta riprendendo: le persone guardano direttamente in camera).

I lumiere volevano riprodurre la vita, le scene di vita quotidiana furono i soggetti di quasi tutti i loro film. Pochissimi furono i film di finzione, il più famoso è L’INNAFFIATORE INNAFFIATO, che ebbe un tale successo che 6 anni dopo vi fu già un remake.

Molto particolare poi il film DEMOLIZIONE DI UN MURO, nel quale, come da titolo, alcuni operai stanno abbattendo un muro. Riavvolgendo per errore la pellicola senza spegnere il proiettore, i Lumière scoprono l’effetto inverso: le macerie del muro si ricompongono nella loro struttura originale.

Fin da subito i Lumiere inviano diversi operatori nelle maggiori città d’Europa. Il loro arrivo in un determinato paese coincide il più delle volte con la nascita della cinematografia. In un’epoca in cui non ci sono né televisione nè internet il pubblico ammira città e luoghi lontani, che mai ha visto e che forse mai vedrà.

Per cui il 28 dicembre 1895 è oggi considerata da tutti la data di nascita del cinema. Come abbiamo visto però i Lumière non ne furono i soli inventori. Molti sono stati coloro che hanno dato il loro contributo alla nascita del cinema, mentre i Lumiere sono stati i primi a inventare lo spettacolo cinematografico così come lo intendiamo noi oggi.

Se vuoi approfondire ulteriormente gli argomenti legati al magico mondo del cinema ecco qualche lettura interessante:

L’ABC del linguaggio cinematografico……..https://amzn.to/2X4XtGz

La grammatica del montaggio………https://amzn.to/2uVsSPY

Fare un film………https://amzn.to/2v7Ldtj

La grammatica dell’inquadratura………https://amzn.to/2IcLdRa

La fotografia nei film vol.1………https://amzn.to/2KoaYzM

La fotografia nei film vol.2.…….https://amzn.to/2D8TGkh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...