Storia del Cinema #25 – Gli anni 80 a Hollywood

Se vuoi approfondire ulteriormente gli argomenti legati al magico mondo del cinema ecco qualche lettura interessante:

L’ABC del linguaggio cinematografico……..https://amzn.to/2X4XtGz

La grammatica del montaggio………https://amzn.to/2uVsSPY

Fare un film………https://amzn.to/2v7Ldtj

La grammatica dell’inquadratura………https://amzn.to/2IcLdRa

La fotografia nei film vol.1………https://amzn.to/2KoaYzM

La fotografia nei film vol.2.…….https://amzn.to/2D8TGkh

Negli anni ’80 gli USA passano oltre la sconfitta in Vietnam e tornano a una politica estera aggressiva rilanciando la Guerra Fredda contro l’URSS, mentre nell’interno si torna indietro sui diritti civili e gli studenti smettono di contestare.

Il pubblico non vuole pensare agli eventi ai quali assiste ogni giorno per cui ecco tornare i canoni della vecchia Hollywood: l’eroe vincente e la distinzione netta tra buoni e cattivi, le autorità ora non più viste in modo negativo, l’happy ending.

L’eroe forte e vincente è ravvisabile ad esempio in SUPERMAN di RICHARD DONNER (1978). I film di guerra abbandonano l’antimilitarismo, pensiamo a TOP GUN (1986) di TONY SCOTT, ma non rinunciano alle riflessioni su ciò che la guerra comporta per l’essere umano, pensiamo a FULL METAL JACKET (1987) di KUBRICK.

E se negli anni 70 come abbiamo visto era nata una nuova generazione di attori non belli ma bravi, negli anni 80 accade tutto il contrario con attori come Tom Cruise, Demi Moore, Sylvester Stallone, Arnold Schwarzenegger, Harrison Ford, Bruce Willis, Kevin Costner, Michael Douglas, Richard Gere, Julia Roberts. Certo va detto che alcuni di loro, come il buon vino, sono migliorati invecchiando.

I film vengono ora distribuiti solo in prima visione per fare sold out e lasciare posto alla pellicola successiva. Si diffondono i multiplex, ben presto acquistati dalle compagnie di produzione, ed ecco che si ritorna così alla compagnia a struttura verticale dell’epoca degli studios.

Si sviluppa la strategia di marketing che include film, colonna sonora, merchandising etc. I film diventano un franchise da spremere fino all’inverosimile per trarre sequel, prequel, spin-off, fumetti e chi più ne ha più ne metta.

Anche il cinema di FANTASCIENZA si trasforma. Prima come abbiamo visto fungeva da strumento di critica sociale, adesso invece insieme al genere FANTASTICO assume uno scopo evasivo. Il tutto a partire da GUERRE STELLARI (1977), arrivando fino a INCONTRI RAVVICINATI DEL TERZO TIPO (1978) ed E.T. (1982). ALIEN (1979) di RIDLEY SCOTT per la prima volta mette una donna come protagonista al centro del film, segno della rivoluzione femminista dell’epoca.

E.T.-The-Extra-terrestrial-film-font

La gente vuole staccarsi dalla realtà e Hollywood l’accontenta. Ecco nella FANTASCIENZA MAD MAX di GEORGE MILLER (1979), TERMINATOR (1984) di JAMES CAMERON, ROBOCOP (1987) di PAUL VERHONEN, BLADE RUNNER (1987) di RIDLEY SCOTT mentre i supereroi hanno nuova linfa grazie al BATMAN (1989) di TIM BURTON.

Nel genere FANTASTICO invece TESORO MI SI SONO RISTRETTI I RAGAZZI (1989), GHOST (1990) RITORNO AL FUTURO (1985), CONAN IL BARBARO (1982), HIGHLANDER (1986), I GOONIES (1985) di RICHARD DONNER.

Senza dimenticare il genere HORROR con LA BAMBOLA ASSASSINA (1988), HELLRAISER (1987), HALLOWEEN (1978) di JOHN CARPENTER, NIGHTMARE di WES CRAVEN (1984) che consegnerà alla storia Freddy Krueger e VENERDI’ 13 (1980) che invece introduce il mitico Jason. Non dimentichiamo un’altra saga più recente come quella di SCREAM di WES CRAVEN.

Come anche è doveroso ricordare è il sottogenere SPLATTER, salito alla ribalta negli anni 70 con film come La notte dei morti viventi e le colline hanno gli occhi ed esploso definitivamente in questi anni con LA CASA (1981) e LA CASA 2 (1987) entrambi di SAM RAIMI e FUORI DI TESTA (1987) di PETER JACKSON.

Ma sono i film d’azione a conoscere un clamoroso successo planetario. I volti più celebri di questo genere, manco a dirlo, sono Arnold Schwarzenegger, Sylvester Stallone, Bruce Willis. COMMANDO, CODICE MAGNUM, PREDATOR, ATTO DI FORZA, LAST ACTION HERO, TRUE LIES, RAMBO, CLIFFANGHER, DREDD LA LEGGE SONO IO, la saga di DIE HARD, sono film che da piccolo ho letteralmente divorato.

Inizia anche il filone della nuova commedia americana, lanciato da THE BLUES BROTHERS (1980) e UNA POLTRONA PER DUE (1983).

Interessante il caso di VIDEODROME (1983) film scritto e diretto da DAVID CRONENBERG che affronta il rapporto, la fusione tra l’uomo, la tecnologia e la violenza televisiva. Anticipa quasi il futuro rapporto maniacale, quasi perverso, che l’uomo instaurerà con lo schermo grazie all’avvento del digitale e di internet. Di Cronenberg è anche LA MOSCA, di tre anni successivo a Videodrome.

Cronenberg arriva a influenzare anche il giapponese SHINYA TSUKAMOTO che si farà conoscere nel 1989 con il suo TETSUO, che racconta la storia di un uomo che è solito innestare nel proprio corpo componenti metallici. Il film approfondisce il rapporto uomo-macchina e forse potrebbe essere stato influenzato anche dal Terminator di Cameron?

Del 1987 è un film prodotto a Hong Kong, CITY ON FIRE, diretto da RINGO LAM, pellicola che influenzerà notevolmente TARANTINO per il suo primo film, LE IENE (1992).

Nel 1989 esce invece il taiwanese CITTA’ DOLENTE diretto da HOU HSIAO HSIEN il quale, molto influenzato dalle opere di OZU, mette in scena eventi drammatici con distacco e sguardo oggettivo: inquadrature fisse, lunghi piani sequenza, un’estesa profondità di campo e la cinepresa che si tiene lontana dagli eventi.

Non solo quindi cinema americano ma anche cinema cinese, giapponese e russo pensando a due film come PENTIMENTO (1984) e VA E VEDI (1985).

vaevediDSloc

Bisognerebbe parlare di tantissime altre realtà dell’epoca sparse in tutto il mondo, ma mi rendo conto di non avere la preparazione necessaria per farlo. Ciò che ho capito è che molti di noi, me compreso, hanno o hanno avuto per troppo tempo una conoscenza troppo razzista del cinema.

Il cinema non è solo quello di Hollywood o quello europeo, ma è anche quello della Cina, del Giappone, della Corea del Sud che personalmente sto scoprendo a poco a poco, quello Indiano, quello dell’Iran etc. etc.

Se vuoi approfondire ulteriormente gli argomenti legati al magico mondo del cinema ecco qualche lettura interessante:

L’ABC del linguaggio cinematografico……..https://amzn.to/2X4XtGz

La grammatica del montaggio………https://amzn.to/2uVsSPY

Fare un film………https://amzn.to/2v7Ldtj

La grammatica dell’inquadratura………https://amzn.to/2IcLdRa

La fotografia nei film vol.1………https://amzn.to/2KoaYzM

La fotografia nei film vol.2.…….https://amzn.to/2D8TGkh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...